L’importanza di una connessione a banda larga per il ritorno a scuola

martedì, Settembre 1, 2020 di Melita
L’importanza di una connessione a banda larga per il ritorno a scuola

Il ritorno sui banchi di scuola è imminente e mai come quest’anno alunni, insegnanti e genitori hanno molte incertezze da affrontare.

La pandemia di COVID-19 non è ancora superata e per assicurare la sicurezza di tutti i soggetti che gravitano attorno alle scuole si stanno predisponendo una serie di misure eccezionali.

Il distanziamento sociale è molto difficile da attuare nella quotidianità della scuola e anche la sanificazione quotidiana dei locali si configura come complessa oltre che costosa.

Tra tante incertezze resta un punto fermo, l’importanza per gli alunni di disporre di una connessione a banda larga in modo da poter interagire con gli insegnanti e con i propri compagni di classe in ogni situazione.

Sarà infatti molto probabile dover gestire situazioni in cui uno o più studenti dovranno interagire da casa con il resto della classe o in quanto ci si trovi nella necessità di pianificare lezioni online per un periodo temporaneo.

In questa direzione vanno le dichiarazioni del Ministro della Salute, Speranza: “E’ realistico preparare e pianificare la disponibilità dell’apprendimento online per integrare l’apprendimento nel prossimo anno scolastico. Le lezioni online saranno necessarie “durante le chiusure temporanee”, possono essere necessarie durante la quarantena episodica e possono integrare l’apprendimento scolastico in circostanze in cui i bambini alternano la presenza scolastica, per rispettare le esigenze di allontanamento fisico nelle aule più piccole“.

Videoconferenza e lavagne elettroniche condivise: le applicazioni che necessitano connessioni ad alta velocità

Le applicazioni che permettono videoconferenze hanno avuto un vero e proprio boom durante il periodo del lockdown in quanto oltre a permettere di restare connessi con i propri affetti, permettono di seguire lezioni scolastiche e corsi direttamente dalla propria casa.

Per maggiori informazioni sulle principali applicazioni di videoconferenza potete leggere il nostro articolo: Migliori software e App per videoconferenze.

Per poter utilizzare queste applicazioni, l’unico importante requisito, oltre a dover disporre di un computer relativamente recente, è quello di avere una connessione a banda larga, meglio se in fibra ottica, così da aumentare la velocità e ridurre la latenza.

Tra le offerte più interessanti dedicate alle famiglie per connettersi al web in fibra ottica alla massima velocità vi segnaliamo Internet Diamond Fibra di Melita che a soli 29 Euro al mese offre una connessione a Internet in fibra ottica fino a 1 Gigabit/s in download e fino a 300 Mbit/s in upload, con incluso il modem di ultima generazione Plume, basato su adaptive Wifi e capace di assicurare connessioni simultanee e senza interruzioni in tutte le stanze della propria abitazione.

Le lavagne virtuali

La novità che sarà sempre più utilizzata nelle scuole è la lavagna virtuale o web whiteboardcapace di offrire molteplici applicazioni nell’ambito dell’interazione e condivisione online.

In questo modo gli studenti avranno la percezione di essere in classe potendo interagire tra di loro e con l’insegnante agendo in contemporanea sullo stesso documento, grafico o diagramma visualizzato sulla lavagna elettronica.

Tra i prodotti di lavagna virtuale vi segnaliamo NoteBookCast, una lavagna completa di tanti strumenti interattivi, Flipgrid, una piattaforma che consente di creare videolezioni condivisibili e commentabili, protette da password, Scratchwork, che integra le potenzialità di una lavagna elettronica con strumenti di comunicazione audio e video.

Molto interessante anche “Cisco Webex”, la soluzione dedicata alle scuole offerta congiuntamente da Cisco Italia e IBM, per tenere lezioni da remoto e far interagire studenti e docenti, con videochat e condivisione, con tanto di affiancamento di personale IBM per supportare le classi nell’utilizzo della piattaforma.

Il registro elettronico

Il Ministero dell’istruzione ha previsto un ruolo fondamentale nella nuova didattica per il “registro elettronico” che può essere utilizzato per i seguenti obiettivi:

  • Invio e scambio di materiali didattici
  • Scambio di contenuti testuali o multimediali
  • Produzione di materiali ed elaborati
  • Assegnazione dei compiti da svolgere a casa

Anche per il registro elettronico stanno nascendo applicazioni dedicate che permettono di associare una foto per ogni studente, prendere appunti e annotazioni all’interno di schede individuali o estrarre casualmente uno studente da interrogare da remoto.

Il fattore comune resta sempre la possibilità di connettersi al web in banda larga perché con le vecchie connessioni lente l’interazione diventa impossibile o almeno frustrante per i continui scatti e perdita di qualità della comunicazione.

Ovviamente questa necessità non è solo per gli studenti ma anche e a maggior ragione per i docenti, che dovranno anche migliorare le proprie conoscenze in ambito informatico così da poter anche supportare i propri alunni nell’utilizzo ottimale di piattaforme e software.

Melita

Melita

02 8736 8989